Cinema e parole: Christian Labhart e Diana Segantini presentano il film documentario "Giovanni Segantini. Magia della Luce"

17 Giugno 2016 - ore 21:45
Villa Olmo

Giovanni Segantini - Magia di luce (Italia, Svizzera, 2015,82’, col.)
Regia: Christian Labhart 

 

Un percorso nell'anima ferita e tra le celebri opere di un artista unico, narrato dalle sue lettere e accompagnato dalle immagini dei luoghi della sua vita, tra Arco e la Svizzera. Pittore, anarchico, emarginato, clandestino: Giovanni Segantini è stato tutto questo, ed è riuscito a creare opere monumentali che celebrano un'immagine ideale della natura e del paesaggio alpino. Nel corso della sua vita è salito sempre più in alto alla ricerca di una luce sempre più pura, e la morte l'ha colto a soli 41 anni proprio in un rifugio di montagna in Engadina, all'altezza di 2700 metri.
Reduce dal successo nelle sale cinematografiche di Svizzera, Germania e Austria, recente vincitore perla Miglior Biografia al Festival International du Film sur l'Art 2016 di Montréal,  e sull'onda degli oltre 200mila biglietti staccati a Palazzo Reale di Milano in occasione della recente mostra su Segantini, “Giovanni Segantini - Magia della Luce“ di Christian Labhart arriva a Parolario nella sua seconda proiezione italiana, preceduta solo da quella al Trento Film Festival. Un prezioso e appassionante ritratto del maestro trentino, tra le figure più carismatiche della pittura europea di fine Ottocento. 
Segantini, nato ad Arco in provincia di Trento nel 1858, ha trascorso una vita intensa e tormentata, che lo ha portato a cercare e ricreare nei suoi quadri la vertigine dell'altitudine. 

  

Christian Labhart e Diana Segantini presentano e introducono il film dialogando con Alessio Brunialti.


torna a Programma 2016