Jacopo Manni e Lorenzo Buonomini "Il re della schiscetta"

03 Settembre 2014 - ore 19:00

E oggi cosa mangio? Questa è la domanda che tormenta ogni giorno in ufficio e la scelta, spesso, si divide tra il costoso panino del bar e la pasta scotta. Ecco allora che in aiuto arriva “Il re della schiscetta” (Terre di Mezzo, 2014), il nuovo libro di Jacopo Manni e Lorenzo Buonomini: 66 schiscette divertenti ed economiche che stuzzicheranno l’appetito in pausa pranzo.
Secondo i dati di Federconsumatori 2013, 7 italiani su 10 vanno a lavorare con il pranzo preparato da casa: da un lato si risparmia e, dall’altro, con la schiscetta (dal milanese schisciare, cioè “schiacciare” per chiudere il portavivande) si ha il controllo completo del pasto, dalle calorie alla quantità e qualità degli ingredienti. Infatti, la prima regola – anche e soprattutto con la schiscetta – è prendersi sempre cura di sé mangiando in modo sano ed equilibrato e variando il menù con ingredienti di provenienza sicura. 
Popolare nella Milano del dopoguerra, ma caduta in disuso con il boom economico, ora la schiscetta sta conoscendo nuovi e più creativi orizzonti, è quasi una mania collettiva, divertente e con risvolti molto social. Al giorno d’oggi, portarsi il pranzo da casa è una scelta consapevole e una moda che contagia tutti, dagli impiegati ai top manager, dalle modelle ai creativi. 

Jacopo Manni e Lorenzo Buonomini dialogano con Tino Mantarro


torna a Programma