Özpetek Ferzan

Regista e sceneggiatore turco, arriva in Italia per studiare Storia del Cinema all'Università La Sapienza di Roma nel 1978, entrando nel mondo del cinema in qualità di aiuto regista per importanti autori. Divenuto assistente e aiuto regista per Maurizio Ponzi, Lamberto Bava, Ricky Tognazzi e Marco Risi,  viene incoraggiato e aiutato a compiere un passo verso la regia dai grandi Gianni Amelio ed Elio Petri.Ma fu proprio Marco Risi, con la sua casa di produzione a produrre il suo primo film: “Il bagno turco” (1997), vero e proprio omaggio alla sua terra d'origine. A questo seguono “Harem Suaré” (1999) e “Le fate ignoranti” (2001), intensa pellicola con Margherita Buy e Stefano Accorsi che farà il giro del mondo, passando in Festival importantissimi come quelli di Cannes e Berlino.
Nel 2003 gira “La finestra di fronte” con Giovanna Mezzogiorno e Massimo Girotti, pellicola che vince il David di Donatello per il miglior film e il premio David Giovani. Ferzan è nominato come miglior regista e migliore sceneggiatura, non vince nessuno dei due premi ma si rifà con il Nastro d'Argento per il miglior soggetto. Nel 2004 sconvolge e fa discutere il suo “Cuore sacro”, seguito dal film “Saturno contro” (2007) che raccoglie nel cast le più intense personalità del cinema di ieri e di oggi, dalla veterana Milena Vukotic a Filippo Timi. Nel 2008 Valerio Mastandrea e Isabella Ferrari sono i protagonisti del drammatico “Un giorno perfetto”, mentre nel 2010 Özpetek cambia genere e dirige una commedia brillante “Mine Vaganti”. Due anni dopo è dietro la macchina da presa per firmare la regia di “Magnifica presenza”. Il suo ultimo film è “Allacciate le cinture” (2014). 


torna a Ospiti 2014