Alberto Capatti "Vegetit. Le avanguardie vegetariane in Italia"

20 Giugno 2017 - ore 19:00
Villa del Grumello

“Vegetit. Le avanguardie vegetariane in Italia” (Cinquesensi, 2016) è nato da un’originale ricerca – svolta negli archivi della Biblioteca Braidense – che Alberto Capatti ha condotto con taglio storico/sociale e permette di ripercorrere la storia d’Italia del Novecento, con un diverso punto di osservazione.
L’avventura dei vegetariani in Italia prende inizio a Firenze, si sviluppa a Milano e nella vicina Svizzera, e rapidamente sconfina in tutto lo Stivale trovando adesione da parte del Regime Fascista, molto sensibile a un naturismo ideologicamente riferito alla salute e alla coltura del corpo.
Una parte del movimento vegetariano operava infatti nell’ambito della cultura fascista, creando un modello di vita centrato non solo su frutta e verdura ma sulla vita all’aria aperta, sull’esercizio fisico e sul corpo, ammirato ed esaltato nelle sue espressioni ginniche.
Una storia che in seguito cambierà referenti e simpatizzanti. 

Alberto Capatti dialoga con Giacomo Mojoli.


torna a Programma 2017